02/10/17

Ammore e malavita, dal 5 ottobre al cinema


Ora che l’autunno è arrivato, che il caldo torrido ha lasciato posto a un clima più fresco che invoglia a bere cioccolata calda e indossare pigiamoni caldi, i pomeriggi in spiaggia o al parco sono sostituiti da giornate al cinema, a teatro o in casa raccolti con famigliari e amici.

Proprio in questo periodo si annunciano le nuove uscite nelle sale cinematografiche e, chi ama le commedie musicali, i musical e le belle storie d’amore, in questo autunno 2017 avrà una bella sorpresa, tra poco farà il suo debutto “Ammore e Malavita” dei Fratelli Bros.

I musical hanno spesso portato in scena grandi storie d’amore, spesso osteggiate, non di rado complicate e soggette a tentativi di “sabotaggio”; famiglie in conflitto, bande in eterna lotta sono state il contorno di grandi passioni e sentimenti spesso finiti male.

L’amore nei primi musical


Il primo musical a raccontare di un amore contrastato è stato “The Black Crook”, messo in scena il 12 settembre 1866 negli Stati Uniti e replicato per 474 volte; durava ben 5 ore e mezza e, dopo aver debuttato al Niblo’s Farden Theatre, a Brodway, divenne un successo da un milione di dollari da esportare anche all’estero.

In questo caso l’amore tra Amina e il giovane artista di cui era innamorata era contrastato dal conte Wolfenstein che la voleva in sposa e aveva cercato di incastrare il suo amato per far si che la sua anima finisse nelle mani del diavolo che, così, avrebbe salvato la vita di un uomo che, ogni anno era costretto a sacrificare una vita per non morire; come in ogni favola l’amore trionfò e il giovane innamorato riuscì a salvarsi.

Sempre a teatro (e in seguito su pellicola), come non citare l’amore tra Tony e Maria in “West Side Story”, amore osteggiato dai gruppi di appartenenza, dalle bande dei Jets e dei Riff; purtroppo in questo caso l’amore ha dovuto soccombere, ucciso dall’orgoglio e dalla lotta per il territorio.

Alla fine del secolo scorso, al cinema, sono stati “Grease” e “Guardia del corpo” a rafforzare l’amore per le commedie musicali lanciando anche tormentoni divenuti ormai parte della cultura popolare; a tal proposito, non tutti sanno che in realtà “I will always love you” (che ha venduto ben 16 milioni di copie) non è stata scritta per “Guardia del corpo” ma era già stata sentita ne “Il più bel casino del Texas”.

Ammore e malavita


Ammore e malavita”, una grande storia d’amore narrata, raccontata e musicata, girata non a Hollywood ma a Napoli, sarà nelle sale cinematografie dal 5 ottobre; sarà un’occasione imperdibile per divertirsi, respirare buoni sentimenti, muovere i piedi a tempo di ritmo mentre le immagini scorrono sullo schermo.

Chi sono i protagonisti di questa commedia musicale?

Ciro, don Vincenzo, donna Maria e Fatima ci terranno compagnia a suon di pallottole, canzoni, risate e, naturalmente, tanto amore.

Ciro, interpretato da Giampaolo Morelli, è un killer spietato, il cattivo di turno al soldo di uno ancora più cattivo, don Vincenzo (a prestare la propria immagine è il simpatico Carlo Buccirosso), “o’ re do pesce” e della moglie, donna Maria, che ha qui il volto di Claudia Gerini; il destino vuole però che gli equilibri e i rapporti cambino improvvisamente per merito di un Cupido in gran forma che, con le sue frecce d’amore, mette Fatima sulla strada di Ciro.



Fatima è molto diversa da Ciro, è una sognatrice e fa l’infermiera ma, una notte vede ciò che non avrebbe dovuto e questo, diventa una condanna a morte; Ciro deve trasformarsi nel suo carnefice e sbarazzarsi della scomoda testimone (per la quale si sono riaccesi sentimenti d’amore) oppure tradire don Vincenzo e donna Maria, salvando Fatima?

L’amore è più forte di tutto e la soluzione è solo una, tradire i capi e uccidere chi li vuole uccidere.

Tra tanti sentimenti, musica, balli, pallottole e gli scenari incantevoli dei vicoli di Napoli e del golfo a far da sfondo, inizia una lotta volta a far trionfare l’amore.

I Manetti Bros. portano in scena una bella commedia musicale in cui le coreografie sono curate da Luca Tommassini, che ha vinto la sfida del riuscire a far ballare sul grande schermo anche non ballerini di professione; a detta del coreografo, una grande scoperta è stata proprio Claudia Gerini che è stata molto più brava di quanto si sarebbe aspettato.

Le musiche sono invece firmate da Piovio e Aldo De Scalzi già vincitori del David di Donatello, Nastri d’Argento, Globo d’Oro e altri riconoscimenti per il film Song’ e Napule.

Noi al cinema


Noi sicuramente andremo a vedere questo film, in famiglia la passione per le commedie musicali è forte, con Gaia, la mia “bimba” che ormai ha già 13 anni guardiamo spesso musical; insieme abbiamo visto molti titoli, da “My Fair Lady” a “Grease”, da “West side story” a “Guardia del Corpo” o “Lala land”, passando per il Disneyano “Il Gobbo di Notre Dame” o “La Bella e la Bestia”. In casa nostra troneggiano molti dvd e tanti sono proprio film musicali.

Potremmo perciò mancare l’appuntamento con questo film, italianissimo, girato nella bella Napoli?



No, non può mancare; amiamo i bei film, che sanno far sognare, quelli in cui si deve anche lottare per il proprio amore, sappiamo già che ne andremo pazze.
E poi, una giovane adolescente, che si incolla a guardare X-Factor in ogni sua fase, potrebbe mai non aver voglia di vedere un film in cui le coreografie sono curate da Luca Tommassini?


13/07/17

04/04/17

,

Mondo Convenienza, gioca, vinci e ritira!

Mondo Convenienza

Mondo Convenienza è il brand amato da chi vuole arredare casa con gusto, scegliendo tra tanti stili e con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Nei loro negozi si respira sempre aria di allegria, girare alla ricerca del mobile perfetto è divertente e, soprattutto quando noi mamme arriviamo con i bambini all’area dedicata alle camerette diventiamo di nuovo un po’ piccine. I colori vivaci e le disposizioni riportano indietro nel tempo, a quando la cameretta era il luogo in cui tutte le fiabe prendevano vita, dove si giocava in sicurezza e, in seguito, una volta cresciute, si scambiavano segreti e confessioni con l’amica del cuore.


21/03/17

22/02/17

06/02/17

#nessunbambinosolo, aiuta un bambino, dona al 45522


Per ogni bambino avere il sostegno della famiglia, un rifugio sicuro in cui crescere protetto, amato, aiutato a sviluppare le proprie capacità deve essere un diritto eppure, non per tutti i più piccoli è così.

Non sempre la vita è generosa e, con alcuni lo è ancor meno che con altri; non è giusto che un bambino viva per strada, che debba occuparsi di crescere altri fratellini o sorelline, che si debba far carico al posto dei genitori delle incombenze di tutti i giorni.

16/01/17

,

Dorelan, qualità e competenza al servizio del sonno



Alzarsi dopo un buon sonno ristoratore è il modo migliore per iniziare la giornata con il piede giusto ma, a volte non accade e ci si ritrova ad affrontare il nuovo giorno più stanchi della sera prima.

Se mamme e papà spesso passano notti insonni, agitate, o dormono male per via di allattamento, pianti, capricci, insonnie e voglia di gioco alle ore più impensabili, a chiunque può capitare di dormire male; il materasso sbagliato, il guanciale inadatto, il cambio dell’ora o il jat lag sono alcuni dei motivi per cui la notte, anziché essere ristoratrice, diventa una tortura.

I cambi di orario provocano modifiche e alterazioni nel ciclo del sonno, svegliarsi un’ora più tardi del solito, non aiuta a prendere sonno la sera, mentre, perdere un’ora di sonno la mattina, lascia assonnati e, riprendere le normali abitudini e il solito ciclo, diventa necessario per il benessere psicofisico.

Un guanciale troppo duro, che fa pensare di aver appoggiato la testa su un mattone, o troppo morbido, in cui si sprofonda beatamente ma che la mattina fa risvegliare con una cervicale che urla vendetta può rovinare l’intera giornata.

E il materasso? Se si sbaglia la scelta del materasso (scelta spesso sottovalutata ma molto importante), si rischia di passare la notte girandosi e rigirandosi e svegliarsi magari con un bel mal di schiena; una notte insonne genera una giornata nervosa, stanca, con difficoltà di concentrazione.



Quando anni fa, prima di sposarci abbiamo scelto il materasso, abbiamo preso una grossa “cantonata”; da bambina, per problemi alla schiena, il medico aveva fatto mettere un asse di legno sopra la rete del letto, sotto il materasso (non c’erano ancora i letti con le doghe) così, scegliendo il materasso, abbiamo deciso di prenderne uno ortopedico che però si è rivelato troppo duro e spesso provoca risvegli con mal di schiena. Non solo, quando la sciatica torna a farsi sentire, è così scomodo che devo traslocare e dormire sul divano.

Ci fosse stato un consulente sarebbe stato diverso, e probabilmente non avremmo fatto questa scelta.

Al giorno d’oggi molte cose sono cambiate, l’italianissimo brand Dorelan, dispone di “Specialisti del Riposo” che forniscono supporto e aiutano a fare la scelta giusta, non è un caso che il loro motto sia “Ci svegliamo ogni giorno per farvi dormire meglio”.

Il bed in Italy


Dorelan non solo produce in Italia ma non delocalizza nessuna fase della produzione, ogni componente è prodotto all’interno dei suoi laboratori, permettendogli così di avere pieno controllo sulla filiera produttiva; partnership e collaborazioni le ha invece con atenei (come quello di Bologna) e istituti di ricerca scientifici.



L’alta qualità è quindi frutto dell’unione di più fattori uno dei quali, quello alla base, è la scrupolosa ricerca e scelta delle materie prime che avviene in Italia o Europa ma, sempre e comunque, privilegiando l’eccellenza delle risorse, l’elevata qualità dei materiali e la tracciabilità degli stessi.

Solo in questo modo è possibile offrire un’esperienza positiva che rispetti i 3 elementi che determinano un sonno di qualità: durata (soggettiva), continuità e profondità.

Letti per tutti, anche per i più piccini


I letti Dorelan sono perfetti non solo per gli adulti, ma anche per i bambini perché garantiscono loro condizioni di sicurezza; “Flip”, l’unico materasso 4 in 1, accompagna infatti la crescita dei nostri piccini dai 3 ai 14 anni.

I 4 flip, le rotazioni, corrispondono alle fasi di crescita del bambino basate sulle tabelle dei percentili così, in ogni fase di crescita, il suo materasso lo seguirà, adattandosi al suo corpo e ai suoi bisogni, un materasso su misura che cresce con lui; a questo progetto hanno lavorato Raffaella Schisò, pediatra membro della Società Italiana di Pediatria, e l’American Academy of Pediatrics e Logotel.

I prodotti Dorelan sono sicuri perché il brand utilizza trattamenti atossici e naturali, le reti son trattate con vernici a base di acqua, mentre le doghe vengono verniciate e lucidate senza additivi chimici e coloranti chimici.

Se volete testare la qualità Dorelan lo potrete fare presso uno dei 67 negozi monomarca diffusi sul territorio nazionale e, per qualsiasi necessità, chiedete ai consulenti del riposo, veri e propri esperti che sapranno indirizzarvi e rispondere alle vostre domande.



Fino al 12 febbraio potrete inoltre approfittare dei saldi fino al 50%, un ottimo motivo per visitare un negozio Dorelan Bed.



20/12/16

Immagini di Natale da colorare


Natale si avvicina e un post a tema non poteva mancare così, ho deciso di riprendere un'idea avuta anni fa, quella dei disegni di Natale da colorare. All'epoca vi avevo preparato una serie di immagini Natalizie da scaricare e colorare, immagini perfette anche per i più piccini perchè davvero semplici e con pochi particolari (se volete scaricarle le trovate QUI); anche quest'anno vi propongo una serie di immagini, sempre molto smplici, da scaricare e colorare.

Lettori fissi